musica indiana

  • 'Cenni per una semantica del flauto indiano vaṃśī'

    Flauti bansuri di diverse dimensioni e tonalità(articolo scritto per l'Istituto di Cultura per l'Oriente e l'Occidente - ICOO informa 2020 n°6 - www.icooitalia.it)

    Rendi dolce la mia vita
    Proprio come da unvaśī
    Attraverso i pori del mio essere
    Soffia il tuorāga profondo!
    (Sumitrānandan Pant)

    Fig. 2 - scultura in altorilievo con una coppia di musici fastosamente ornati, con flauto e tamburo, sulla facciata del tempio di Hoysaleshvara in KarnatakaIl flauto classico indiano, traverso di bambù,possiede diversi nomi a seconda delle regioni e delle epoche. Il più  noto e attuale èsurī.  Più  antico èvaśaovaṃśī, usato ancora oggi soprattutto in lingua bengali con la  pronunciabāśī, e preferito nel presente articolo.i
     Il flautovaśaèdai tempi vedici lo strumento a fiato per eccellenza e attraverso due millenniha grande importanza nei principali trattati     sulle arti  drammatiche e musicali.ii Vi sono meravigliose sculture dell’antichità e soprattutto nei templi medievali a testimonianza della sua centralità nella musica  antica, ruolo che pare subire un accantonamento nella scena della musica d’arte in epoche successive, portando taluni a dimenticarne l’illustre passato e  affermare che diverrà strumento ‘colto’ soltanto dal secolo XX.
    Se l’uso strumentale può aver subito un’inflessione dopo il secolo XIII, l’immaginario del flauto diKṛṣṇainvece non conosce soluzione di continuitànelle  lirichedei generiDhrupād, Khāyāl eThumrī, e di importanti stili regionali di musica devozionale, affondando le sue radici nella letteratura sacra, nella  poesia mistica e nel teatro classico e religioso.

    Nel secolo scorso, idealmente recuperato dall’ambito devozionale e popolare, peraltro di una ricchezza musicale inimmaginabile, il
    vaśī ha conosciuto   nuova vitalità e diffusione nella musica classica e nel panorama mondiale grazie soprattutto a grandi maestri quali Pandit Pannalal Ghosh, a cui si deve lo sviluppo di flauti dal tono grave, e Pandit Hariprasad Chaurasia.
    Rappresentazioni astoriche caratterizzano ilvaśīforse per la sua stessa natura, invariata nei millenni anche da un punto di vista organologico, emblematica del richiamo a una dimensione atemporale, intima e concreta di nostalgia, pace e dolcezza incondizionate care al pastore come all’eremita. Proviamo ad analizzarne alcuni risvolti attraverso il linguaggio.

  • Il flauto banshi o bansuri


    Immagine dal film Charulata, di Satyajit Ray
    Alcuni flauti bansuri, manifattura di Igor Orifici - per conoscere di più sulla costruzione e per acquisti consultare anche il sito di Lorenzo Squillari www.flautobansuri.it

    l bansuri (surī), è il flauto traverso di  bambù tradizionale  dell’India del nord, dalla tipica sonorità calda e morbida. Venuvaṁśī o baśī(pronuncia bansci) sono altri suoi nomi antichi, tuttora in uso nelle lingue indiane. Io prediligo il bengalese baśīPuò avere diverse dimensioni e tonalità, distinguendosi per la ricchezza di armonici, offrendo un suono fluido, morbido, caldo e profondo, ma anche brillante e cristallino. Il bānsurī  ha sei fori per le dita e uno per l’imboccatura e raggiunge un’estensione di due ottave e mezza.  Il contatto diretto delle dita con i fori rende possibile l’uso di peculiari ornamenti, microtoni e glissandi, tanto importanti nella musica india
    na.

  • Laboratori e lezioni

    La Pratica nella Stanza della Musica, presso Albero Baniano APS, Laveno Mombello (VA)


    I laboratori si svolgono occasionalmente in disparate sedi, laddove venga richiesto da gruppi o Associazioni.

    Periodicamento realizzo incontri sul flauto bansuri e la musica indiana.

    Le sedi nelle quali sto coltivando lo studio sono:

    Laveno Mombello (VA), presso l'associazione Albero Baniano
    Generalmente nell'ultimo weekend di ogni mese.


    Palermo, con un seminario e lezioni
    nell'arco di una settimana per due volte all'anno.

    In altri centri della provincia di Varese e Milano per laboratori sporadici.

    Per tenerti sempre aggiornata/o puoi seguire la mia pagina Facebook Flauto Banshi e iscriverti alla newsletterda questo sito.
  • NEWSLETTER

        Per essere aggiornato puoi iscriverti alla newsletter inviando il tuo indirizzo email nello spazio a fondo pagina,
    o visualizzarla cliccando qui
    Note dal Flauto Bansuri









     

  • Parola di Flauto! Poesia e pratica del flauto traverso di bambù

    Parola di Flauto! 
    Poesia e pratica 
    del flauto traverso di bambù
    Conferenza-concerto a cura di Igor Orifici

    Chi vide mai come il flauto antidoto e veleno? (J. Rumi)


    Parola di Flauto! è una proposta dedicata al flauto bansuri, alla sua poesia e ai risvolti pratici del suo suono. Cosa rappresenta il flauto di bambù per il Poeta? E come raccontare la sua poesia, facendo riferimento alla pratica e alla teoria della musica indiana?

BANSHI.eu

Il bānsurī è il flauto traverso di bambù tradizionale dell’India
Via Caprera, 5 21014 Laveno (VA), Italia
---

Iscriviti alla nostra newsletter